Ordine degli Ingegneri di Venezia

LETTERA DEL PRESIDENTE DELL’ORDINE

Cara Collega/Caro Collega,
le elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine di Venezia si sono svolte; il nuovo Consiglio si è
insediato; ci attendono ora quattro anni di lavoro, con l’impegno di valorizzare sempre al meglio la
figura dell’ingegnere in generale e di quello veneziano in particolare.
Desidero ringraziare tutti i colleghi che hanno votato; e anche quelli che non lo hanno fatto.
Si è cercato di dare la massima pubblicità all’evento, dando conto nel miglior modo possibile delle
candidature e degli intendimenti dei candidati, raggruppati in liste o presentatisi singolarmente.
In questa occasione, per la prima volta, si votava da remoto e anche questo ha certamente concorso
al successo dell’evento, che ha visto coinvolti un numero di colleghi iscritti pari al doppio di quello delle
precedenti votazioni. Votare da remoto è certamente molto meno impegnativo in termini di tempo,
ma comporta qualche difficoltà operativa, specie per i colleghi con una minore dimestichezza con
l’informatica. Questa, appunto, era la prima volta! In futuro sarà più semplice, perché saremo più
abituati.
Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla felice conclusione dell’evento, in primis la
Commissione elettorale, ottimamente presieduta dalla collega Chiara Fastelli, e costituita dai colleghi
Claudio Bertocco, Andrea Ferrini, Giulia Pernumian e Stefano Schiavon, assistita dal notaio dott.
Giuseppe Rasulo.
Un plauso grande va dato alla nostra segreteria dell’Ordine, coordinata dall’avv. Antonio Bovo, e
costituita da Isabella Balliana, Marco Manzoli, Chiara Pustetto, validamente coadiuvata dal personale
della Fondazione Ingegneri Veneziani, Chiara Costantini e Matteo Ragazzo.
È questa l’occasione giusta per ringraziare tutti coloro che hanno lavorato nella precedente
consigliatura:
– il Presidente della Fondazione, Gustavo Rui e i consiglieri Claudia Cellini, Roberto Geromin,
Roberto Lumine e Gianluca Pasqualon.
Tutti i colleghi delle commissioni, circa 200 ingegneri iscritti al nostro Ordine, coordinati da:
– Arianna Trevisan, per la Commissione Acustica
– Sara Campaci, per la Commissione Giovani
– Diego Danieli, per la Commissione Impianti e Certificazione Energetica
– Michele Marchesan, per la Commissione Industria e Innovazione
– Simone Maratea, per la Commissione Informazione e Comunicazione
– Mara Semenzato, per la Commissione Ingegneria Biomedica
– Roberto Sabatino, per la Commissione Ingegneria Forense
– Andrea Pasqualetto, per la Commissione Lavori Pubblici
– Massimo Magrini, per la Commissione Navale e Marittima
– Fernando Garbin, per la Commissione Pareri
– Domenico Rossi, per la Commissione Prevenzione Incendi
– Francesca Domeneghetti, per la Commissione Protezione Civile
– Fabrizio Valdarnini, per la Commissione Sicurezza
– Gianluca Pasqualon, per la Commissione Strutture e Geotecnica
– Piero Pedrocco, per la Commissione Territorio
– Andrea Ruggero, per la Commissione Trasporti e Viabilità
– Federico Bernardi, per il Gruppo di Lavoro BIM
– Marco Baldin per il Gruppo di Lavoro MoSE e Acqua Alta
– Sandro Boato, per la Commissione mista con il Collegio sui Cambiamenti Climatici.
Il Presidente del Consiglio di Disciplina, Flavio Zanchettin e tutti i colleghi del Consiglio: Marco
Baldin, Stefano Boato, Giampietro Bognolo, Stefano Calzavara, Andrea De Goetzen, Stefano
Foffano, Giacomo Gianetti, Carlo Milanese, Piero Rigo, Roberto Rinaldi, Domenico Rossi, Vito
Saccarola, Mario Trevisan e Simone Zanardi.
Un ringraziamento va anche ai colleghi del Consiglio del Collegio Ingegneri, presieduto da Sandro
Boato, e del Consiglio del Centro Studi Urbanistici, presieduto da Maurizio De Gennaro.
Da ultimo ringrazio veramente di cuore tutti i colleghi consiglieri che hanno da poco lasciato il posto ai
nuovi eletti: Erio Calvelli (il nostro valente segretario del Consiglio), Mara Semenzato (l’altrettanto
valente tesoriera), Claudia Cellini, Luigi Donolato, Andrea Ferrini, Roberto Geromin, Alessandra Grosso,
Gianluca Pasqualon, Roberto Scibilia, Umberto Vassallo e coloro che invece rimangono al loro posto
perché, non avendo già svolto due mandati e avendo ottenuto i voti necessari, sono stati rieletti: Letizia
Niero, Celio Fullin e Mario De Marchis.
Un ringraziamento particolarissimo va proprio a quest’ultimo, Mario De Marchis, una persona
eccezionale che tutti ci invidiano. Lavora più o meno direttamente da alcuni decenni dentro e/o a
fianco dell’Ordine e dell’intera galassia ordinistica, avendone maturato una conoscenza e
un’esperienza senza pari. Sarebbe davvero difficile pensare all’esistenza dell’Ordine veneziano senza il
suo insostituibile apporto!
Va fortemente sottolineato che tutti questi colleghi prestano il loro tempo e la loro opera
gratuitamente, avendo diritto al solo rimborso delle spese che effettivamente sostengono per
partecipare alle attività dell’Ordine. Ne ricevono in cambio crescita professionale e culturale, sviluppo
delle relazioni ma credo, soprattutto, nella formazione dello spirito di gruppo che il lavorare fianco a
fianco sempre produce. Li ringrazio molto per quanto hanno fatto in questi cinque anni e per quanto
hanno dato gli uni agli altri, professionalmente, eticamente, umanamente.
Possa il nuovo Consiglio e tutti i colleghi che saranno, nei prossimi quattro anni, impegnati nelle diverse
funzioni, continuare e sviluppare al meglio la strada che questi colleghi hanno segnato.
Saluti e auguri a tutti.
Il Presidente
Mariano Carraro

 

in News Evidenza by